​​​​​​​​​​​​​​Bachata Sensual 
Bachata Fusion
Bachata Domenicana
Bachata Tradizionale

 
 
Tutta l'esperienza di anni di studio a tua disposizione per imparare ad esprimere al meglio tutta la sensualità di questo Ballo​​​​​​​

​​​​​​​ 

L'ultima Domenica del mese 
"Porte Aperte" 
​​​​​​​vedi la pagina dedicata.


 

  • ​​​​​​​Corsi

  • Lunedi ore 20.00

Iscrizioni aperte


Lezioni private per amatori e professionisti
  • info. Scuola 0422-918457 
  • M° Remo  Lorenzon 347-2629381
  • ​​​​​​​mail: remo.lorenzon@gmail.com

​​​​​​​
​​​​​​​
La Bachata nasce a Santo Domingo agli inizi del ‘900 tra la popolazione più degradata e povera. Il ballo serviva loro per liberarsi dallo stress quotidiano dovuto ai lavori forzati. La musica ed il ballo, infatti, raccontavano storie romantiche ma amori infelici, sogni di amori impossibili o di perdite ed intrighi amorosi.

Inizialmente si ballava nei “quilombres” ovvero dei bordelli nei quali le prostitute figuravano storie impossibili e violente. Per questo fu snobbata dalle classi più ricche ed il ballo venne proibito dalle autorità perché troppo disinibito ed erotico. Era definita la musica dell’amarezza.

Nel ballo la donna e l’uomo ballano a stretto contatto per tutta la durata del brano. Nonostante le ostilità, fu un ballo che riuscì a rimanere nella tradizione, perché chi lo praticava era troppo coinvolto dalla dolcezza della musica. L’evoluzione e l’espansione di questo genere avvennero intorno agli anni ’60 quando si diffuse nei centri abitati più grandi. Va sottolineato che il ritmo ed il suono della bachata derivano da altri tipi di musica come il bolero delle Antille e dai suoi ritmi. I primi esempi nascono nelle feste popolari, si suonava con chitarre e bongos. Grazie all’intuizione di molti artisti, la bachata si diffuse ben presto in tutto il mondo. Grande merito va a Juan Luis Guerra che, con eleganza e delicatezza, seppe diffondere questo genere anche oltre oceano, ma la consacrazione c’è con il tormentone “Obsesiòn” degli Aventura, uscito nel 2002/2003. Altri numerosi autori contribuirono alla diffusione di questo genere come Toby love, Prince Royce, Romeo Santos (ex Aventura).

La Bachata è a ritmo lento e si balla sul primo tempo musicale, ma in realtà si presta ad essere ballata sul due poiché il segnale che indica l’inizio del movimento è come un colpo secco delle percussioni, in quel momento si inizia ad ancheggiare, quindi non sull’uno ma sul due. L’essenza di questo ballo sta nel movimento sensuale del bacino, originariamente privo di figure se non qualche giro, ballato sul posto dove i ballerini si muovono stretti in perfetta sincronia.

Nella versione più europea, la bachata si balla in maniera più complessa, con figure e coreografie. Ultimamente sentiamo parlare della Bachata Sensual e spesso vediamo eseguire coreografie spettacolari anche in tv. Qualche mese fa due giovani ragazzi si sono cimentati proprio in questo genere al programma televisivo “Italia’s got talent” lasciando il pubblico in visibilio. Questo genere di bachata ha un impatto molto più forte. Le coreografie spesso sono eseguite da professionisti che, oltre ai passi sensuali, inseriscono parti acrobatiche ed atletiche. La bachata è un ballo amatissimo e la musica ultimamente si avvicina molto alle note pop tanto da essere ascoltata anche da chi non pratica questo ballo in particolare. Tutti possono iniziare un corso di bachata, a qualsiasi età. La delicatezza del ballo e della melodia fanno sì che questo sia apprezzato da qualsiasi persona di ogni età. Si balla nei locali latino americani, spesso in alternanza con la salsa. Questo ballo si sta evolvendo sempre più ma è importantissimo non dimenticare le origini di questa danza. Non è necessario essere dei professionisti per praticarlo, proprio perché in origine era un ballo semplicissimo tra innamorati.

 

La Bachata nasce a Santo Domingo agli inizi del ‘900 tra la popolazione più degradata e povera. Il ballo serviva loro per liberarsi dallo stress quotidiano dovuto ai lavori forzati. La musica ed il ballo, infatti, raccontavano storie romantiche ma amori infelici, sogni di amori impossibili o di perdite ed intrighi amorosi.  Inizialmente si ballava nei “quilombres” ovvero dei bordelli nei quali le prostitute figuravano storie impossibili e violente. Per questo fu snobbata dalle classi più ricche ed il ballo venne proibito dalle autorità perché troppo disinibito ed erotico. Era definita la musica dell’amarezza. Nel ballo la donna e l’uomo ballano a stretto contatto per tutta la durata del brano.  Nonostante le ostilità, fu un ballo che riuscì a rimanere nella tradizione, perché chi lo praticava era troppo coinvolto dalla dolcezza della musica. L’evoluzione e l’espansione di questo genere avvennero intorno agli anni ’60 quando si diffuse nei centri abitati più grandi. Va sottolineato che il ritmo ed il suono della bachata derivano da altri tipi di musica come il bolero delle Antille e dai suoi ritmi. I primi esempi nascono nelle feste popolari, si suonava con chitarre e bongos. Grazie all’intuizione di molti artisti, la bachata si diffuse ben presto in tutto il mondo. Grande merito va a Juan Luis Guerra che, con eleganza e delicatezza, seppe diffondere questo genere anche oltre oceano, ma la consacrazione c’è con il tormentone “Obsesiòn” degli Aventura, uscito nel 2002/2003. Altri numerosi autori contribuirono alla diffusione di questo genere come Toby love, Prince Royce, Romeo Santos (ex Aventura).La Bachata è a ritmo lento e si balla sul primo tempo musicale, ma in realtà si presta ad essere ballata sul due poiché il segnale che indica l’inizio del movimento è come un colpo secco delle percussioni , in quel momento si inizia ad ancheggiare, quindi non sull’uno ma sul due. L’essenza di questo ballo sta nel movimento sensuale del bacino, originariamente privo di figure se non qualche giro, ballato sul posto dove i ballerini si muovono  stretti in perfetta sincronia. Nella versione più europea, la bachata si balla in maniera più complessa, con figure e coreografie. Ultimamente sentiamo parlare della Bachata Sensual e spesso vediamo eseguire coreografie spettacolari anche in tv. Qualche mese fa due giovani ragazzi si sono cimentati proprio in questo genere al programma televisivo “Italia’s got talent” lasciando il pubblico in visibilio. Questo genere di bachata ha un impatto molto più forte. Le coreografie spesso sono eseguite da professionisti  che, oltre ai passi  sensuali, inseriscono parti acrobatiche ed atletiche. La bachata è un ballo amatissimo e la musica ultimamente si avvicina molto alle note pop tanto da essere ascoltata anche da chi non pratica questo ballo in particolare. Tutti possono iniziare un corso di bachata, a qualsiasi età. La delicatezza del ballo e della melodia lo fanno apprezzare da qualsiasi persona di qualsiasi età. Si balla nei locali latino americani, spesso in alternanza con la salsa. Questo ballo si sta evolvendo sempre più ma è importantissimo non dimenticare le origini di questa danza. Non è necessario essere dei professionisti per praticarlo, proprio perché in origine era un ballo semplicissimo tra innamorati.

(fonte www.latinaquotidiano.it)